Oktober Fest ad Agnano per Remo Gas! Stampa

 Fuochi d'artificio ad Agnano tra i migliori della generazione 2010 con Remo Gas che si afferma in modo perentorio nella classica partenopea.

In diversi si erano presentati a questa corsa con malcelate ambizioni in virtù di prestazioni che rendevano estremamente complesso il pronostico.

Alla fine, con pieno merito, si è affermato Remo Gas che conquista, così, il secondo alloro classico di Gruppo 1 dopo il successo nel Nazionale di Vinovo.

Il successo è reso ancora più significativo dal fatto che, come gli accade per attitudine agonistica, Remo Gas si è dovuto sobbarcare corsie esterne per tutta la corsa e non ha mai visto la corda.

In avvio, nel tentativo di conquistare il comando, si sono eliminati due dei più attesi protagonisti e, cioè, Re Italiano Ur e Ruty Grif.

A quel punto la naturale battistrada è stata Rori Axe che ha sfruttato il numero più interno: ben presto, però, la femmina ha ceduto volentieri il comando delle operazioni a Rotary Ok, favorito del campo, che Marco Smorgon, con mossa accorta ha portato al comando nel tentativo di graduare a piacimento i parziali.

In realtà il driver di Givoletto è riuscito nell'intento ed ha scandito parziali alquanto di comodo che, però, non sono riusciti a garantirgli il risultato atteso.

Già sul penultimo rettilineo il combattivo Rombo di Cannone ha pressato costantemente il leader imponendogli una forte accelerazione che, in retta, è stata puntualmente pagata da Rotary, probabilmente a corto di preparazione.

Ma all'esterno di Rombo si è presentato un volitivo Remo Gas che, sapientemente interpretato da Roby Vecchione, ha imposto i diritti del più forte e si è imposto chiaramente.

Nel frattempo a Rori Axe, che ha viaggiato costantemente alla corda, si è aperto un provvidenziale varco e, con finale ad effetto, è riuscita a conquistare la piazza d'onore relegando il Varenne di casa Santoro al terzo posto.

Promosso a pieni voti Remo Gas e citazione di merito anche a Rori Axe e Rombo di Cannone.

Convicenti, poi, le prove di Rambo Zs, apparso in ripresa dopo un periodo opaco, e Rodin Inn Ronco.

Generosa la condotta di Rotary mentre, tra gli altri, da rivedere Re Italiano e Ruty Grif a causa dell'errore in partenza.

Remo, al momento, si attesta sul gradino più alto in attesa che, nell'imminente Orsi Mangelli, che sarà disputato sull'anello torinese di Vinovo l'1 Novembre e nel Derby - a mano destra? - di Capannelle dell'8 Dicembre, si presentino gli italiani "esteri" Robert Bi, Rossella Ross, Rod Stewart e Rolex Bigi: sarà, senza ombra di dubbio, il momento della verità.

Ancora due citazioni: la prima è per papà Varenne che, col successo di Remo Gas, raggiunge i 100 G.P. vinti da suoi eredi; da sottolineare, peraltro, che tra i 16 partenti ben 4 erano figli del Capitano ed hanno occupato la 1^, 3^ e 5^ piazza - Remo Gas, Rombo di Cannone e Rodin Inn Ronco - ed il solo Ruty Grif è rimasto fuori dal marcatore per l'incertezza iniziale.

Onore al merito, poi, a Marco Smorgon che è l'allenatore del vincitore, di Rotary Ok, di Ruty Grif - ancorchè passato di proprietà dalla Trofal Star alla Bivans - e Revillon.

 Ecco il dettaglio della corsa:

Gran Premio   Città di Napoli – Gruppo 1 - €uro 154.000 – metri 2.100

2

REMO GAS

R. Vecchione

1

RORI AXE

A. Guzzinati

3

ROMBO DI CANNONE

V.P. dell’Annunziata

5

RAMBO ZS

A. Farolfi

13

RODIN INN RONCO

A. Gocciadoro

6

ROTARY OK

M. Smorgon

12

RICO

V. Luongo

15

RODEO DEI VENTI

G. Lombardo Jr.

10

REVILLON

R. Forino

10°

16

REBY DI CELO

P. Gubellini

11°

9

RINCOPE JET

M. Minopoli Jr.

12°

14

RADIO WISE

Fed. Esposito

 

4

RUTY GRIF

G.P. Maisto

 

7

RE ITALIANO UR

E. Bellei

 

8

RON HOWARD SM

G.P. Minnucci

 

11

ROCKFELLER FONT

Ritirato – Non partente